#SHU2019, innovazione digitale a impatto ambientale

E’ finita la 4° edizione della maratona digitale che si è tenuta a Foligno#

Il Social Hackathon Umbria si chiude con sei progetti concreti e condivisibili

Innovazione digitale a impatto ambientale, è questo il tema che ha guidato gli hacker e i solution givers durante #SHU2019. Foligno ha ospitato la quarta edizione del Social Hackathon Umbria che ha portato in città oltre 100 persone provenienti da varie parti d’Italia e d’Europa. La maratona digitale, organizzata dall’Associazione Centro Studi città di Foligno e dal Digipass Foligno, quest’anno ha avuto come tema la tutela dell’ambiente e ha ricevuto il patrocinio di Legambiente, della Regione Umbria e del Comune di Foligno. Un tema non solo attuale, ma estremamente urgente che ha visto tutti i partecipanti al lavoro per sviluppare progetti di innovazione digitale capaci di supportare e migliorare in maniera concreta la tutela dell’ambiente, la cultura ecologica e la diffusione di comportamenti sostenibili.

Sei le squadre che si sono sfidate su tre diverse tematiche. Ogni gruppo ha avuto a disposizione 48 ore per creare un prototipo o un prodotto e presentarlo alla giuria. Ogni lavoro è stato valutato da una giuria di esperti e dalla social Jury.

Per la sfida Protect ha vinto: Aupex (ente pubblico spagnolo) che ha creato CANOPIA un’App che permette di raccogliere informazioni e condividere buone pratiche per combattere il problema della desertificazione. Canopia sfidava Earth Gardners (associazione no profit italiana) che ha progettato ALIEN un App contenente un gioco digitale dedicato ai giovani dal 7 agli 11 anni, con l’obiettivo di diffondere la cultura ecologica e di sensibilizzarli sulla presenza delle specie aliene. Discover, una sfida tutta italiana che ha visto la vittoria di Trekkify (gruppo informale under 35, unico progetto umbro in gara) che ha realizzato un’App che permette di condividere varie informazioni sui percorsi di trekking, in modo che l’utente, anche con l’uso della realtà aumentata, possa organizzare i suoi percorsi e conoscere le condizioni, i materiali necessari ecc. Lo scontro era con Terreni digitali (gruppo informale under 35) che ha progettato un sito web contente esperienze di realtà aumenta e video per spingere a vivere sempre di più gli spazi del parco. Per la categoria sustain: ha vinto Lifecyle (gruppo informale under 35 proveniente dal Regno Unito) che ha progettato una complessa App per la condivisione dell’energia elettrica per le macchine. La sfida era contro Plasti.KO (associazione no-profit spagnola) che ha creato un sito web per connettere chi produce o raccoglie rifiuti in plastica con le aziende che li utilizzano per produrre nuovi oggetti e

Oltre ai premi di SHU quest’anno sono stati assegnati due premi speciali che permetteranno ai vincitori di avere un’occasione concreta e immediata di realizzazione della loro idea: Next economia Digitale ha assegnato a Trekkify il premio speciale NEXT all’idea che meglio risponde ai principi di una nuova economia più inclusiva, partecipata e sostenibile. Trekkify beneficerà di un percorso di accompagnamento verso ulteriori possibilità di sviluppo, oltre a partecipare alla prossima edizione del Festival dell’Economia Civile 2020. Il premio speciale di GEOsmartcampus è stato assegnato a Terreni Digitali che si è aggiudicato un programma di accelerazione gratuito, del valore di 4mila euro. 

Un evento davvero internazionale che ha saputo coinvolgere anche la città. Infatti mentre gli esperti erano al lavoro, si sono svolti molti eventi collaterali aperti a tutti: Eco-digi campus per i bambini; workshop per docenti; eco tour del fiume Topino; tavola rotonda sulle Smart Land; Social Jury e Flash Mob finale in piazza San Domenico, che si è tenuto sabato durante la Notte Rosa di Foligno.

Tutto l’evento si è svolto presso la sede distaccata dell’Università di Perugia e il DigiPass Foligno in Via Oberdan 123, nel centro storico di Foligno.