Play Zone, si gioca guardando al futuro

Una Play Zone aperta a tutti per tre giorni. Giochi che buttano dentro al futuro i visitatori di tutte le età. E’ questa una delle grandi novità del Social Hackathon Umbria 2018. La terza edizione di SHU infatti ha tra i suoi obiettivi l’apertura al pubblico, ai curiosi, agli appassionati e anche ai bambini, proprio perchè qui lo sguardo è costantemente volto al domani.

La play zone è gratuita ed è stata aperta da giovedì 5 luglio a sabato 7 luglio dalle 10 alle 18. Tantissimi i giovani e i ragazzi che hanno intrapreso questo viaggio nel futuro attraverso il gioco. Molti i campus estivi che hanno trascorso una mattinata a SHU, ma anche tante famiglie con i loro piccoli.

La zona dedicata al gioco digitale comprende una postazione dedicata alla Quintana 4D con ologramma e realtà virtuale. Una postazione gestita dal Centro Atlas con tecnologia Kinect che consente l’utilizzo della realtà aumentata per lavorare con bambini con disabilità intellettive e fisiche. Tre postazioni internazionali dedicate al gioco digitale per la formazione dei giovani. Sempre all’interno della Play Zone si sono tenute sessioni laboratoriali, rivolte ai piccoli con l’utilizzo di scretch e un laboratorio CoderDojo, organizzato da CoerDojo Foligno.

A SHU il gioco è una cosa molto seria, per questo si è tenuto anche un workshop di Lego Serious Play per la pianificazione strategica dell’inclusione interculturale con Paola Santoro, Formatrice e facilitatrice certificata Lego® Serious Play®. Un momento di divertimento, ma soprattutto di scoperta e co-creazione.